• glossario

Glossario Termini Fecondazione Assistita

Di seguito viene riportato un glossario dei termini maggiormente utilizzati nel cammino della diagnosi e terapia della sterilità di coppia.

Argomenti di riferimento:

  • fecondazione assistita,
  • fecondazione artificiale,
  • sterilità di coppia.

Termini:

A

ABORTO: sospensione della gravidanza. Viene detto "spontaneo" quando avviene naturalmente.
ABORTO RICORRENTE: successione di tre o più aborti spontanei che si verificano nella stessa donna prima della ventesima settimana di gravidanza.
ACROSOMA: estremo superiore della testa dello spermatozoo contenente sostanze (enzimi) che dissolvono le membrane esterne dell'ovocita per favorire l'ingresso del gamete maschile.
ADERENZA: tessuto cicatriziale che si forma in seguito ad un'infezione o ad un intervento chirurgico; esso forma una connessione patologica tra due organi.
ADENOMA: tumore benigno a struttura ghiandolare.
ADENOMIOSI: malattia dell'età fertile caratterizzata dalla presenza di tessuto endometriale (la parte interna dell'utero) nella parte muscolare di quest'organo (miometrio). Nel periodo mestruale può essere causa di intenso dolore e di abbondanti perdite ematiche.
ADOZIONE PRENATALE: gravidanza ottenuta mediante il trasferimento in utero di embrioni provenienti da gameti esterni alla coppia che desidera la gravidanza. In genere si realizza con gli embrioni congelati e non più utilizzati dalla coppia di origine.
AGENESIA: mancato sviluppo di un organo AIH inseminazione intrauterina.
AMENORREA: assenza temporanea o permanente del flusso mestruale.
ANALISI MOLECOLARE: metodo di indagine attraverso il quale è possibile individuare mutazioni responsabili di malattie ereditarie.
ANALISI ORMONALI: analisi del sangue che evidenziano eventuali anomalie nella produzione degli ormoni.
ANDROGENI: ormoni che inducono mascolinizzazione, secreti dai testicoli (testosterone), dal surrene e dalle ovaie.
ANNESSITE: infiammazione degli annessi uterini (ovaie e tube) che può essere causa di intenso dolore pelvico, oltre ad essere potenzialmente responsabile di infertilità.
ANNIDAMENTO: impianto dell'embrione (normalmente nella parte più interna dell'utero o Endometrio).
ANORESSIA NERVOSA: disturbo alimentare caratterizzato dal rifiuto per il cibo e dalla conseguente perdita di peso, che nel 90% dei casi interessa adolescenti di sesso femminile. Può essere causa di amenorrea e infertilità.
ANOVULAZIONE: assenza di ovulazione. Non è necessariamente sinonimo di "amenorrea". La mestruazione può, infatti, verificarsi senza ovulazione.
ANTICORPI: sostanze proteiche prodotte dall'organismo come reazione difensiva all'introduzione di sostanze estranee.
ANTIGENI: sostanze che l'organismo non riconosce come proprie e verso cui produce Anticorpi (batteri, tossine, ecc.).
ASCITE: accumulo di grandi quantità di liquido (trasudato) nella cavità addominale.
ASPERMIA: mancanza di emissione all'esterno di liquido seminale.
ASTENOSPERMIA: presenza di spermatozoi poco mobili (inferiore al 50% del totale).
AZOOSPERMIA: assenza di spermatozoi nel liquido seminale.

B

BIOPSIA ENDOMETRIALE: prelievo di piccola quantità di endometrio per effettuare delle analisi.
BIOPSIA EMBRIONALE: prelievo, a fini diagnostici, di un frammento di tessuto embrionale (in genere blastomeri) da sottoporre a varie indagini specialmente genetiche.
BLASTOCISTI: è una fase embrionale che nei mammiferi si forma nelle fasi iniziali del processo di embriogenesi, con la formazione del blastocele. Generalmente si parla di blastocisti dal 4° al 14° giorno dopo la fecondazione.

C

CANALE CERVICALE: condotto che mette in comunicazione la vagina con la cavità uterina.
CAPACITAZIONE: fase di maturazione nella quale lo spermatozoo acquista la capacità di fecondare un ovocita. Tale processo avviene durante il passaggio nelle vie genitali femminili, sebbene possa anche essere realizzato in vitro.
CARIOTIPO: studio del patrimonio cromosomico di un individuo (comunemente ma incorrettamente denominata "mappa cromosomica").
CAVITA' PERITONEALE: spazio all'interno dell'addome nel quale sono situati vari organi (utero, tube, ovaie ,vescica intestino) ricoperti da una membrana detta peritoneo.
CAVITA' UTERINA: zona interna dell'utero, rivestita dall'endometrio.
CELIOSCOPIA: esame endoscopico degli organi della cavità peritoneale, la cui via di accesso si ottiene generalmente attraverso la parete addominale.
CELLULE APLOIDI: cellule aventi un corredo cromosomico dimezzato come ad esempio i gameti (ovocita e spermatozoo), nei quali il numero di cromosomi è appunto 23 anzicchè 46.
CELLULE GERMINALI: cellule dell'organismo aventi funzione riproduttiva (ovocita e spermatozoo).
CERVICE: porzione inferiore dell'utero che protrude in vagina attraverso la quale gli spermatozoi passano per raggiungere la cavità dell'utero.
CHIMERA: individuo o embrione composto da due o più tipi cellulari del tutto distinti geneticamente.
CICLO MESTRUALE: periodo che va dall'inizio di un flusso mestruale al successivo.
CISTI OVARICA: formazione costituita da una parete e contenente materiale liquido o fluido. Può dar luogo a una sintomatologia caratterizzata da dolore e senso di peso.
CITOPLASMA: porzione della cellula che si trova all'esterno del nucleo. Appare come una sostanza omogenea in cui sono immerse alcune particelle.
CLOMIFENE: composto farmacologico che induce il rilasciamento, da parte dell'ipofisi, di FSH e di LH. E' utilizzato per il trattamento dell'infertilità in donne con assenza di ovulazione.
CLONAZIONE: produzione di copie identiche (cloni) di molecole, cellule o organismi.
CONGELAMENTO: vedere "crioconservazione".
CORONA RADIATA: strato di cellule che si trova all'esterno dell'ovocita in via di maturazione, avente la funzione di fornire sostentamento all'ovocita stesso.
CORPO LUTEO: ciò che resta del follicolo ovarico dopo l'ovulazione; secerne in particolare l'ormone "progesterone".
CRIPTORCHIDISMO: malformazione congenita costituita dalla mancata discesa nello scroto del testicolo che viene invece ritenuto nell'addome.
CRIOCONSERVAZIONE: mantenimento della vitalità dei gameti o degli embrioni mediante tecniche di abbassamento notevole e controllato della temperatura.
CROMATIDE: ciascuna delle due subunità parallele di cui si compongono i cromosomi.
CROMOSOMA: tratto di DNA di varie dimensioni, contenente l'informazione genetica e presente in un numero fisso per ogni specie vivente. Nell'uomo sono 46.
CUMULO OOFORO: cellule del follicolo che circondano l'ovocita.

D

DEISCENZA DEL FOLLICOLO: rottura del follicolo maturo, con espulsione all'esterno dell'ovocita.
DELEZIONE: modificazione strutturale di un cromosoma che consiste nella perdita di una sua parte e dunque dei geni che vi sono contenuti.
DIAGNOSI PREIMPIANTO: tecnica particolare di diagnosi sull'embrione prima che venga trasferito nell'utero. Viene utilizzata in coppie ad elevato rischio di malattie genetiche.
DISCO EMBRIONALE: stadio iniziale dello sviluppo di un embrione che, nelle prime due settimane di gestazione, appare come un disco sottile di cellule disposte irregolarmente all'interno della primitiva massa di formazione.
DISGENESIA GONADICA: insufficiente sviluppo dell'ovaio o del testicolo, con assenza degli elementi germinali (spermatozoi o follicoli).
DISMENORREA: mestruazione dolorosa.
DISOVULAZIONE: ovulazione irregolare dovuta a malfunzionamento del ciclo ovarico.
DOPPLER SCROTALE: indagine strumentale per misurare la quantità di flusso sanguigno nei vasi del testicolo.
DOTTO DEFERENTE: condotto che deve portare gli spermatozoi dall'epididimo verso l'esterno del corpo e che attraversa la prostata, la vescichetta seminale fino al condotto eiaculatore.

E

ECODOPPLER: indagine ecografica in cui si evidenziano l'entità dei flussi di sangue nelle vene e nelle arterie.
ECOGRAFIA: tecnica diagnostica basata sulla rilevazione degli echi prodotti da onde ultrasonore nell'attraversare i diversi tessuti della zona da esplorare.
ECTOGENESI: sviluppo completo di un feto al di fuori del grembo materno. E' attualmente un'ipotesi irrealizzabile.
EIACULAZIONE RETROGRADA: disturbo sessuale caratterizzato da eiaculazione in vescica anzicchè all'esterno: l'uomo avverte le contrazioni eiaculatorie e prova l'orgasmo (detto 'asciutto'), ma non vede la fuoriuscita di liquido seminale.
EMBRIOGENESI: fase di formazione vera e propria dell'embrione, che va dal 15° al 56° giorno di vita endouterina.
EMBRIONE: insieme di cellule in via di sviluppo che si forma poche ore dopo la fine del processo di fecondazione a partire dallo zigote.
ENDOCERVICITE: infiammazione della cervice uterina.
ENDOMETRIO: rivestimento interno dell'utero che subisce le alterazioni ormonali del ciclo mestruale e che va incontro a sfaldamento durante la mestruazione.
ENDOMETRITE: infiammazione dell'endometrio.
ENDOMETRIOSI: presenza della mucosa endometriale ("endometrio") in un punto anomalo come le tube, le ovaie, la cavità peritoneale; spesso è causa di intenso dolore mestruale e infertilità.
ENZIMA: proteina in grado di intervenire ed aiutare le reazioni chimiche e biologiche dell'organismo.
EPIDIDIMO: rete di tubuli che sormonta il testicolo in cui vengono immagazzinati gli spermatozoi.
ESTRADIOLO: ormone estrogeno sintetizzato e secreto dal follicolo ovarico. Ha la funzione principale di stimolare la crescita dell'endometrio.
ESTROGENI: ormoni sessuali secreti principalmente dalle ovaie. Il più importante è l'estradiolo.
ESTROPROGESTINICI: composto di ormoni estrogeni e derivati del progesterone che sono alla base dei contraccettivi orali. Bloccano l'ovulazione e prevengono perciò la gravidanza pur mantenendo il flusso mestruale (pseudomestruazione).
ET: embryo transfer, trasferimento dell'embrione nella cavità uterina dopo fecondazione in vitro.
ETEROLOGA: procedura di riproduzione assistita eseguita usando gameti esterni alla coppia.
EUGENETICA: disciplina che si propone il miglioramento delle qualità ereditarie della specie umana.

F

FALLOPPIOSCOPIA: indagine strumentale che consente di ispezionare per via endoscopica un tratto dell'interno delle tube uterine.
FASE LUTEALE: la seconda fase del ciclo mestruale che segue l'ovulazione, nel corso della quale il corpo luteo produce progesterone.
FECONDAZIONE: il concepimento derivante dall'insieme di fenomeni che vanno dal contatto dell'ovulo con lo spermatozoo alla fusione completa dei patrimoni genetici maschile e femminile.
FECONDAZIONE ASSISTITA: vedi RIPRODUZIONE ASSISTITA.
FECONDAZIONE ETEROLOGA: fecondazione ottenuta con gameti esterni alla coppia, ovocita donato o spermatozoi donati.
FECONDAZIONE IN VITRO: quando la fusione dei due gameti avviene al di fuori del corpo femminile.
FECONDAZIONE OMOLOGA: fecondazione ottenuta con i gameti della coppia.
FEEDBACK: sistema di controllo che in biologia consente la riduzione di un elemento (es. Ormone) in seguito all'aumento di un altro ad esso collegato.
FERTILITÀ: capacità di riprodursi.
FETO: prodotto del concepimento che si sviluppa in utero e successivo alla fase di embrione.
FIBROMIOMA: sinonimo di Fibroma Tumore benigno del tessuto muscolare dell'utero di natura fibrosa. Può manifestarsi con abbondanti flussi mestruali e senso di peso al basso addome. Talvolta può interferire con la gravidanza.
FIBROSI CISTICA: patologia genetica in cui vi è un difetto a carico della secrezione delle ghiandole; la conseguenza è una aumentata densità delle secrezioni e gravi malattie specie a livello polmonare.
FIMBRIE: proiezioni mobili a forma di dita delle quali è dotato il padiglione delle tube e deputate a captare l'ovocita una volta espulso dal follicolo dell'ovaio.
FIVET: (fecondazione in vitro ed embrio transfer) tecnica di Riproduzione Assistita che consiste nella fecondazione dell'ovocita da parte dello spermatozoo al di fuori del corpo, in laboratorio; a questa fase segue il trasferimento dell'embrione che ne deriva nell'utero.
FOLLICOLO OVARICO: formazione tondeggiante liquida dell'ovaio contenente l'ovocita FSH follicle stimulating hormone (ormone follicolo-stimolante); è l'ormone prodotto dalla ghiandola "ipofisi" che nella donna stimola la maturazione del follicolo e nell'uomo concorre alla formazione degli spermatozoi.
FUNICOLO SPERMATICO: fascio di vasi sanguigni e nervi, deputati alla nutrizione della gonade e alla sua funzione, nel quale è immerso anche il dotto deferente, cioè la struttura deputata all'emissione degli spermatozoi.

G

GALATTORREA: eccessiva o persistente secrezione di latte dalla mammella, dovuta ad una condizione patologica se si verifica dopo il termine dell'allattamento. Può comparire in entrambi i sessi. Può essere collegata ad un'eccessiva produzione di Prolattina.
GAMETE: cellula riproduttiva: nell'uomo lo spermatozoo e nella donna l'ovocita.
GENE: unità fondamentale del codice ereditario in un cromosoma. E' un tratto di DNA (acido desossiribonucleico) che contiene l'informazione genetica per la produzione di una determinata proteina.
GENOMA: l'insieme di tutti i geni di un individuo.
GIFT: gamete intra fallopian transfer, tipo di Riproduzione Assistita nella quale gli ovociti e gli spermatozoi vengono introdotti all'interno della tuba, affinché il concepimento avvenga all'interno del corpo GNRH ormone di origine ipotalamica, che stimola la secrezione di FSH ed LH da parte dell'ipofisi.
GONADI: le ghiandole riproduttive che producono i gameti e gli ormoni sessuali. Sono le ovaie nella donna e i testicoli nell'uomo.
GONADOTROPINA CORIONICA: ormone sintetizzato e secreto dall'abbozzo embrionale della placenta, la cui presenza nel sangue materno conferma lo stato di gravidanza. È utilizzato nel trattamento dell'infertilità e viene somministrato 36 ore prima del prelievo ovocitario.
GONADOTROPINE: ormoni FSH ed LH prodotti dalla ghiandola ipofisaria, che agiscono sulle gonadi (ovaie e testicoli).
GONOCOCCO: è il batterio responsabile della gonorrea.
GONORREA: infezione batterica sessualmente trasmessa.
GRAVIDANZA CHIMICA: gravidanza che si manifesta solo attraverso la positività delle ß-HCG nel sangue materno.
GRAVIDANZA ECTOPICA: (o extrauterina) gravidanza che si instaura al di fuori dall'utero.
GRAVIDANZA GEMELLARE: gravidanza in cui si impiantano due o più embrioni.
GRAVIDANZA TUBARICA: gravidanza in cui l'impianto dell'embrione non avviene nella cavità uterina, ma nella tuba.

H

HCG: human chorionic gonadotrophin, vedere GONADOTROPINA CORIONICA.

I

ICSI: intra cytoplasmic sperm injection, tecnica avanzata di fecondazione in vitro che consiste nell'introdurre un singolo spermatozoo nell'ovocita con l'ausilio di speciali apparecchiature miniaturizzate.
IDROSALPINGE: accumulo di liquido chiaro nella tuba uterina, conseguente alla chiusura della tuba stessa, in genere dopo un processo infiammatorio.
IMPIANTO: l'attecchimento dell'embrione alla parete interna dell'utero (Endometrio).
IMPOTENZA: incapacità da parte del maschio di produrre o di mantenere l'erezione.
INFERTILITÀ: condizione di chi non è in grado di procreare.
INFERTILITÀ INSPIEGATA: quando non viene riscontrata alcuna patologia in entrambi i partner, ma non si instaura in ogni caso la gravidanza.
INFERTILITÀ PRIMARIA: si definisce così la condizione di una coppia che non ha mai ottenuto una gravidanza neanche abortiva.
INFERTILITÀ SECONDARIA: condizione di una coppia che è riuscita ad iniziare la gravidanza e non l'ha portata a termine o ha già avuto dei figli ma non riesce più ad averne.
INGEGNERIA GENETICA: modificazioni mirate del genoma di un organismo, aventi lo scopo di prevenire malattie a trasmissione ereditaria.
INSEMINAZIONE: introduzione del seme maschile nelle vie genitali della donna. Si chiama Intracervicale se viene depositato nel canale cervicale, intrauterina se gli spermatozoi sono iniettati direttamente nell'utero.
INSUFFICIENZA LUTEALE: insufficiente funzionamento del corpo luteo.
INSUFFICIENZA OVARICA: scarsa capacità dell'ovaio di produrre ormoni.
IPERMENORREA: aumento anormale della durata e della quantità del flusso mestruale.
IPERPLASIA DELL'ENDOMETRIO: tendenza del tessuto endouterino a proliferare eccessivamente.
IPERPROLATTINEMIA: aumento della concentrazione ematica di prolattina. Tale aumento è normale durante la gravidanza, l'allattamento e come risposta allo stress, ma patologico in caso di adenomi ipofisari e galattorrea.
IPOFISI: ghiandola endocrina situata alla base del cervello sulla radice del naso. Responsabile della produzione degli ormoni FSH e LH.
IPOGONADISMO: condizione dovuta a un'insufficiente secrezione di ormoni sessuali da parte delle gonadi. Può comportare infertilità.
IPOSPADIA: malformazione congenita dell'uretra maschile che sbocca sotto il glande anziché alla sua estremità.
IPOTALAMO: ghiandola alla base del cervello che controlla il rilascio degli ormoni dell'ipofisi.
IRSUTISMO: crescita anomala di peli nella donna con distribuzione di tipo maschile. Può verificarsi in seguito ad una sindrome da ovaio micropolicistico (PCOS).
ISTEROSALPINGOGRAFIA: radiografia dell'utero utero e delle tube per verificare la loro normalità mediante l'introduzione di un liquido speciale.
ISTEROSCOPIA: esame endoscopico della cavità uterina.
ISTEROSONOROGRAFIA: esame ecografico dell'utero e delle tube mediante l'introduzione di un particolare liquido.
IVF: vedi FIVET.

L

LAPAROSCOPIA: esame degli organi pelvici attraverso una sonda ottica introdotta chirurgicamente nella cavità addominale.
LH: sigla di una gonadotropina, ormone ipofisario, che nella donna provoca l'ovulazione di un follicolo e la sua trasformazione in Corpo Luteo.
LIQUIDO SEMINALE: liquido composto da plasma seminale (prodotto dalla prostata) e spermatozoi.
LUF SYNDROME: mancata apertura di un follicolo maturo, che si trasforma direttamente in corpo luteo con l'ovocita intrappolato al suo interno.

M

MALCONFORMAZIONE DELL'UTERO: sviluppo strutturale anormale dell'utero (es. utero bicorne, utero setto) che può essere motivo di infertilità.
MATERNITÀ SURROGATA: condizione in cui una donna fa crescere nel proprio utero un embrione con il quale non ha rapporti genetici (utero "in prestito", utero "in affitto").
MEIOSI: processo di trasformazione cellulare che porta alla formazione dei gameti (uovo e spermatozoo) contenenti un patrimonio genetico dimezzato rispetto alle altre cellule.
MENOPAUSA PRECOCE: condizione nella quale si interrompono l'ovulazione e le mestruazioni prima del tempo naturale.
METÀ CICLO: momento nel ciclo mestruale femminile durante il quale dovrebbe avvenire l'ovulazione.
METRORRAGIA: emorragia uterina che insorge in periodi diversi dal normale ciclo mestruale.
MICROCHIRURGIA TUBARICA: intervento chirurgico sulle tube, eseguito grazie all'ausilio di un microscopio.
MICRODELEZIONE: mutazione del DNA nella quale viene persa una piccola porzione di cromosoma.
MICROINIEZIONE: iniezione di una piccola quantità di materiale all'interno di una cellula, con l'ausilio di apparecchi miniaturizzati come un micromanipolatore e un microago.
MICROPOLICISTOSI OVARICA: disturbo endocrinologico dell'età fertile. Talora è associata a mancanza di ovulazione.
MYCOPLASMA HOMINIS: microrganismo che si riscontra talora nell'apparato genitale. Può essere responsabile di salpingite.
MONITORAGGIO DELL'OVULAZIONE: controllo ecografico della crescita del follicolo ovarico.
MUCO CERVICALE: secrezione mucosa prodotta dalla cervice, che permette il passaggio degli spermatozoi nell'utero; questo muco si accentua e si fluidifica maggiormente poco prima dell'ovulazione.

N

NORMOSPERMIA: condizione di normalità del liquido seminale.
NUCLEO: struttura contenente il materiale genetico e situata al centro di una cellula.

O

OLIGOMENORREA: diminuita frequenza dei flussi mestruali (oltre 35 giorni tra una mestruazione e l'altra).
OLIGOSPERMIA: bassa concentrazione degli spermatozoi nel liquido seminale (meno di 20 milioni per millilitro).
OLIGOASTENOSPERMIA: diminuzione del numero e della motilità degli spermatozoi.
OLIGOASTENOTERATOSPERMIA: liquido seminale che presenta diminuzione di numero, di motilità e anomalie di forma a carico degli spermatozoi.
OMOLOGA: tipo di riproduzione assistita che prevede l'uso di gameti appartenenti alla coppia.
OOPLASMA: citoplasma della cellula uovo.
OOLEMMA: membrana cellulare dell'ovocita.
ORCHITE: infiammazione acuta o cronica di uno o di entrambi i testicoli.
ORMONE: messaggero chimico secreto dalle ghiandole endocrine; se prodotto in laboratorio può mimare l'effetto dell'ormone naturale.
ORMONI TIROIDEI: ormoni secreti dalla ghiandola tiroide.
OVAIE: le due ghiandole sessuali femminili.
OVAIO POLICISTICO: struttura anomala delle ovaie, che non provoca però necessariamente infertilità; spesso i cicli mestruali sono più distanti l'uno dall'altro ed a volte l'ovulazione non si verifica.
OVODONAZIONE: donazione dei gameti femminili (ovociti) da parte di una donna fertile ad un'altra che non è più in grado di produrne.
OVULAZIONE: liberazione di uno o più ovuli da parte dell'ovaio a metà circa del ciclo mestruale.
OVULO: vedi OVOCITA.
OVOCITA: cellula germinale femminile destinata alla fecondazione ed a trasformarsi in embrione.

P

PATRIMONIO GENETICO: l'insieme di tutti i geni di un individuo che si ritrova in ogni cellula.
PESA: aspirazione per-cutanea degli spermatozoi dall'epididimo per fare successivamente l'ICSI.
PGD: vedere DIAGNOSI GENETICA PREIMPIANTO.
PLACENTA: organo vascolare a forma di disco, proprio dei mammiferi, che unisce il feto alla parete della cavità uterina provvedendo agli scambi nutrizionali.
POLIMENORREA: aumento anomalo della frequenza dei flussi mestruali (meno di 25 giorni tra una mestruazione e l'altra).
POLIPO: tumore benigno che sporge in una cavità.
POLISPERMIA: penetrazione nell'ovocita di più spermatozoi al momento della fecondazione.
PORTIO UTERINA: parte inferiore dell'utero che protude in vagina.
POST COITAL TEST: esame praticato sul muco cervicale dopo un rapporto sessuale per verificare se gli spermatozoi si comportano normalmente con il muco cervicale.
PROGESTERONE: ormone riproduttivo femminile secreto principalmente dal corpo luteo dell'ovaio dopo l'ovulazione e in gravidanza.
PROGESTINICI: componenti sintetici o semisintetici simili al Progesterone ed utilizzati anche nei contraccettivi orali.
PROLATTINA: ormone secreto dall'ipofisi, stimolante la produzione di latte dalla ghiandola mammaria; il suo anomalo aumento al di fuori della gravidanza, spesso dovuto a stress, può determinare il blocco dell'ovulazione e delle mestruazioni.
PROSTATA: ghiandola maschile che produce la parte liquida del seme.

R

RETROVERSIONE DELL'UTERO: anomala posizione dell'utero, che si presenta inclinato posteriormente.
RICERCA ANTICORPI: analisi per evidenziare la presenza di anticorpi specifici nel siero che in alcuni casi possono interferire con la fertilità.
RIDUZIONE DEGLI EMBRIONI: intervento di aborto per uno o più embrioni che si eseguie, nei casi di gravidanze plurigemellari, iniettando una sostanza letale nella loro regione cardiaca.
RIPRODUZIONE ASSISTITA: sinonimo di RIPRODUZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e di FECONDAZIONE ASSISTITA.

S

SACTOSALPINGE: accumulo di liquido di natura infiammatoria nella tuba uterina.
SALPINGI: vedi TUBE DI FALLOPPIO.
SALPINGITE: infiammazione delle tube in genere dopo un'infezione. Può causare infertilità.
SALPINGOPLASTICA: intervento chirurgico sulle tube.
SCROTO: sacca cutanea dell'apparato genitale maschile che contiene i testicoli.
SELEZIONE DEL SESSO: tecnica di diagnosi genetica preimpianto utilizzata per evitare la nascita di bambini affetti da malattie legate al cromosoma sessuale X.
SINDROME DI ASHERMAN: malattia caratterizzata dall'ostruzione della cavità uterina da parte di un tessuto cicatriziale. Può conseguire a interventi sull'utero o a infezioni dell'endometrio, e si accompagna di solito a riduzione del flusso mestruale e infertilità.
SINDROME DI KLINEFELTER: la presenza di un cromosoma X in più nella coppia dei cromosomi sessuali nell'uomo che quindi innalza a 47 (dai normali 46) il numero complessivo dei cromosomi. Si accompagna ad infertilità grave.
SINDROME DI ROKITANSKY-KUSTER-HAUSER: malattia caratterizzata dall'agenesia (mancanza) della vagina e dell'utero. Le ovaie sono invece perfettamente funzionanti.
SINDROME DI SOLE CELLULE DEL SERTOLI: raro disordine della spermatogenesi, caratterizzato da azospermia, valori molto elevati di FSH e sterilità permanente. La terapia androgenica sostitutiva non dà risultati. E' possibile tentare la TESE.
SINDROME DI TURNER: malattia che si riscontra nelle femmine aventi un solo cromosoma X in tutte le cellue (anzicchè XX) e si accompagna a bassa statura, amenorrea, gonadi infantili e infertilità.
SINDROME OVAIO POLICISTICO: anomalia di struttura delle ovaie caratterizzata da uno squilibrio ormonale che spesso provoca mancanza cronica di ovulazione.
SPERMATIDE: cellula della linea maschile presente nei testicoli che darà origine ad uno spermatozoo maturo.
SPERMATOCITA: cellula della linea maschile presente nei testicoli che darà origine allo spermatide.
SPERMATOGENESI: processo che riguarda la produzione degli spermatozoi da parte dei testicoli.
SPERMATOZOI: gameti maschili o cellule fecondanti l'ovocita.
SPERMIOCOLTURA: ricerca della presenza di germi nel liquido seminale per accertare se vi sono infezioni degli organi genitali maschili.
SPERMIOGRAMMA: esame di laboratorio del liquido seminale per valutare principalmente concentrazione, mobilità e morfologia degli spermatozoi.
SPINNBARKEIT: caratteristica del muco cervicale indicativa dell'ovulazione.
STENOSI: restringimento patologico, congenito o acquisito, di un orifizio o di un condotto anatomico.
STERILITÀ: incapacità di riprodursi. Vedi Infertilità.
SUZI: sigla che sta per Iniezione Subzonale di Spermatozoi. È la prima tecnica di microiniezione di spermatozoi nell'uovo, e consiste nell'iniettare lo spermatozoo al di sotto della zona pellucida.
SWIM-UP TEST: test atto a determinare la motilità degli spermatozoi dopo trattamento in laboratorio.

T

TECA: strato di cellule che costituiscono la parete del follicolo follicolo durante il suo accrescimento.
TEMPERATURA BASALE: la temperatura corporea della donna nel corso del ciclo mestruale. E' in genere più bassa nella fase del ciclo che va dalla mestruazione all'ovulazione. Al momento dell'ovulazione stessa, si abbassa ancora lievemente per poi rialzarsi di circa mezzo grado e restare a questo livello fino all'inizio delle mestruazioni.
TERATOSPERMIA: elevata presenza di forme anomale degli spermatozoi.
TESE: estrazione degli spermatozoi dai testicoli mediante una biopsia al fine di utilizzarli per una icsi.
TESTICOLO: ghiandola genitale maschile.
TESTOSTERONE: ormone sessuale maschile secreto dai testicoli per promuovere la maturazione degli spermatozoi ed i caratteri somatici maschili.
TRISOMIA: anomalia nel numero dei cromosomi, caratterizzata dalla presenza di un cromosoma in sovrannumero in una coppia normale di cromosomi.
TUBE di FALLOPPIO: organi posti ai lati dell'utero deputati al trasporto dell'ovocita e dell'embrione dalle ovaie verso l'utero.

U

URETRA: parte terminale delle vie urinarie che dalla vescica porta l'urina all'esterno.
UTERO: organo cavo posto nel bacino che accoglie e nutre l'embrione sino al momento del parto.
UTERO BICORNE: malconformazione dell'utero, che appare biforcato a livello dell'estremità superiore.
UTERO FIBROMATOSO: utero indurito e ingrossato, che può essere responsabile di diminuita fertilità.
UTERO SETTO: utero che appare suddiviso interamente in due cavità. Può essere causa di infertilità.
UTERO SUBSETTO: utero che appare incompletamente suddiviso in due cavità. Può essere motivo di infertilità.

V

VAGINA: canale muscolo-membranoso che fa parte degli organi genitali interni della donna.
VARICOCELE: dilatazione anomala delle vene dei funicoli spermatici; può essere causa di infertilità.
VASI DEFERENTI: canali che connettono l'epididimo alla prostata per trasportare gli spermatozoi verso l'esterno.

Z

ZIFT: Zygote Intra Fallopian Transfer, tecnica di fecondazione in vitro in cui si trasferiscono gli zigoti nelle tube.
ZIGOTE: cellula derivante dalla fusione dei due patrimoni genetici dei gameti maschile e femminile dopo lo stadio di pronuclei degli ovuli. Rappresenta la conclusione del processo di fecondazione.
ZONA PELLUCIDA: struttura translucida ed elastica che circonda l'ovocita.

Richiedi una consulenza on line

La Consulenza online ha la finalità di dare ai pazienti suggerimenti diagnostici e terapeutici: naturalmente questa non sostituisce una approfondita consultazione da parte del Dott. Franco Lisi ma può in alcuni casi essere di estremo aiuto.
Nel caso in cui non abbiate tutte le informazioni necessarie alla completa compilazione del questionario di seguito vi invitiamo a contattare il Dott. Franco Lisi.

Per tutti coloro che avranno compilato in ogni sua parte il form per la consulenza online gratuita e lo avranno inviato, se dopo aver ricevuto una prima risposta decideranno di contattare telefonicamente il Dott. Franco Lisi , avranno diritto ad uno sconto del 50% sul prezzo della sua prima visita. Inviate il form compilato. Sarete contattati rapidamente per un primo appuntamento senza impegno. Cliccate e potrete compilare il form della Consulenza On Line

Informazioni aggiuntive

Il Dott. Franco Lisi è a disposizione dei propri pazienti per qualunque chiarimento in relazione a problemi di fertilità, sterilità e infertilità sia maschile che femminile. Potrà inoltre rispondere alle vostre domande relative alla PMA o procreazione medicalmente assistita, alla fecondazione assistita, al percorso della coppia ed alle possibilità di successo della fivet e dell'icsi.
Potete chiamare il Dott. Franco lisi durante l' orario di ufficio dal lunedì al sabato mattina al Numero Verde 800 926071 oppure al telefono 06 86094776 ovvero al cellulare 347 2684486. Potete scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Franco Lisi - docplanner.it

CASA DI CURA VILLA MAFALDA,
V. M.TE GIOIE 5 - 00199 ROMA
Telefono: 06 86094776
Cellulare: 347 2684486
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

numero verde fecondazione assistita roma